Indice del forum

MarcoTravaglio.it

Forum del sito MarcoTravaglio.it

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

crisi: il capro espiatorio indicato
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Articoli e Libri
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
paolodegregorio

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio

Registrato: 11/02/09 13:44
Messaggi: 333
paolodegregorio is offline 







italy
MessaggioInviato: Lun Set 28, 18:13:46    Oggetto:  crisi: il capro espiatorio indicato
Descrizione:
Rispondi citando

- crisi: un capro espiatorio da indicare -
di Paolo De Gregorio, 28 settembre 2009

In un sistema mediatico che ci riempie di bugie e soprattutto di omissioni, l’unico modo per arrivare a qualche conclusione che si avvicina alla verità è la deduzione.
Ci aiuta Tremonti che se la prende con le banche, che (lo ripete troppo spesso) stanno strangolando le piccole imprese,negando crediti o praticando tassi da usura.
Questo è anche vero, ma sà tanto di prefigurazione di un capro espiatorio per una crisi che non è finita, che ha avuto origine sì nelle banche e nelle istituzioni finanziarie, ma dove la politica è stata complice non esercitando la vitale funzione di controllo, approvando la “deregulation” e tollerando gli sproporzionati bonus che le banche hanno offerto ai manager perché facessero profitti.
Non mi fiderei tanto di una situazione in cui il principale responsabile del Tesoro indica i responsabili della crisi, presente e forse di quella futura, mentre il capo comico che dirige la baracca secerne ottimismo da tutti i pori e parla di crisi finita.

L’intera materia ci dovrebbe offrire anche un’altra deduzione: il superpotere delle banche non è governato dalla politica, e l’assenza di banche statali che svolgano una funzione calmieratrice e di sostegno alle piccole imprese lascia in mani private un pericoloso monopolio.
E’ probabile che le banche abbiano capito, visto che hanno imponenti uffici studi per fare indagini di mercato, che molte piccole imprese italiane non hanno futuro in un mercato globale in cui nulla sarà come prima dopo questa crisi, che spingerà le nazioni emergenti a entrare in ogni settore produttivo, a costi infinitamente minori di quelli italiani.
Settori di eccellenza forse si salveranno, ma settori piccoli e arretrati subiranno l’urto dei paesi emergenti e le banche non aiutano certo chi è destinato a fallire.
Se questo è uno scenario possibile, peggio della peste, l’untore è messo all’indice, sono le banche le responsabili, mentre la CASTA politica è innocente, anzi ha indicato prima i responsabili e quindi è da assolvere.
La disoccupazione sarà il maggior flagello dei prossimi anni, sì anni, non mesi, poiché quando perdi un segmento di mercato c’è subito un altro che lo occupa e sarà quasi impossibile invertire la logica del liberismo e della globalizzazione.

So di parlare al vento, ma l’unica strada sarebbe l’abbandono del mercato globale e buttarsi a corpo morto sull’autosufficienza energetica (con il solare) e sull’autosufficienza alimentare con una nuova agricoltura, non industriale o di nicchia, ma legata al territorio e ai suoi bisogni, con prodotti biologici e freschi a km zero.
Paolo De Gregorio
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Lun Set 28, 18:13:46    Oggetto: Adv





Torna in cima
exnovobrian
Attualmente bannato

Esperto
Esperto


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio

Registrato: 08/02/09 17:34
Messaggi: 2161
exnovobrian is offline 







italy
MessaggioInviato: Lun Set 28, 20:16:28    Oggetto:  Re: crisi: il capro espiatorio indicato
Descrizione:
Rispondi citando

paolodegregorio ha scritto:
- crisi: un capro espiatorio da indicare -
di Paolo De Gregorio, 28 settembre 2009


So di parlare al vento, ma l’unica strada sarebbe l’abbandono del mercato globale e buttarsi a corpo morto sull’autosufficienza energetica (con il solare) e sull’autosufficienza alimentare con una nuova agricoltura, non industriale o di nicchia, ma legata al territorio e ai suoi bisogni, con prodotti biologici e freschi a km zero.
Paolo De Gregorio



Tra l'altro , se le cose continueranno così , non è impensabile il ritorno allo scambio al baratto , al lavoro per lavoro . Ho sentito che questo sta avverandosi in paesi non miserabili... tipo Svezia , Danimarca . Che sia un segno dei tempi ? Verrà il momento in cui tutti "dovremo" coltivarci personalmente un pezzettino di terra per vivere , raccogliere la legna per scaldarci, accendere i luni per rischiararci e spegnere per sempre la TV per vivere ...finalmente. Lo vedo in prospettiva un mondo tipo Amish , senza motori e luce elettrica . Chissa .....

sisi
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Articoli e Libri Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





MarcoTravaglio.it topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008