Indice del forum

MarcoTravaglio.it

Forum del sito MarcoTravaglio.it

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Streghe,folletti e vampiri
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Argomenti OffTopic
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
<b>Guy Fawkes</b

Ospite















MessaggioInviato: Ven Mar 13, 15:14:00    Oggetto:  Streghe,folletti e vampiri
Descrizione: Tra folclore,letteratura e...
Rispondi citando

ATTENZIONE:QUESTO NON E' UN THREAD PER PROVARE LA REALTA' DI ALCUNI FENOMENI.

Quindi evitiamo fin da subito di postare documenti e filmati che confermano l'esistenza del chupacabras o simili,grazie.

Lo spunto e l'ambizione è ben diversa,e nasce da quattro chiacchiere che stavo scambiando con Flic e Brigante in chat ieri sera.Cerco di sintetizzare e spiegare:

Piaccia o non piaccia,credo che certe figure letterarie(e non solo)facciano parte della nostra cultura; chi non ha mai letto o visto qualcosa che parli di fantasmi,vampiri,streghe e via dicendo alzi la mano.Stesso discorso per quanto riguarda le tradizioni e le leggende popolari che sicuramente ciascuno di noi conosce,e sono proprie del "patrimonio culturale" della propria regione,o della propria città.Fermo restando che la creazione di determinate figure leggendarie e mitologiche ha sempre un fondamento di razionalità e di storicità che ne eliminano l'aspetto "soprannaturale" (penso ad esempio alle grandi epidemie di vampirismo del 1700,oppure al più recente voodoo),e che comunque personaggi come i vampiri,le streghe ed i morti viventi sono,in qualche modo,le proiezioni ataviche dei nostri timori ancestrali,la domanda è:come vi ponete voi nei confronti degli eventi per così dire "inspiegabili " o "misteriosi"?
Scetticismo,curiosità,fascino,totale disillusione....
Io personalmente sulla materia ho sempre sposato la teoria di Dylan Dog:"Non ci credo,ma ci spero",perchè sinceramente sono cose che,pur essendo favole,mi affascinano parecchio....

Spero di essermi spiegato! Smile

PS:probabilmente questa sega mentale nasce dall'approssimarsi dell'anniversario della morte di H.P. Lovecraft,che celebro in firma ed avatar...

PPS:se volete anche solo renderci partecipi di alcune delle più curiose credenze dei vostri luoghi,va bene uguale,eh!


Ultima modifica di <b>Guy Fawkes</b il Dom Mag 31, 10:37:26, modificato 2 volte in totale
Torna in cima
Adv



MessaggioInviato: Ven Mar 13, 15:14:00    Oggetto: Adv





Torna in cima
Serpiko

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 42
Registrato: 22/02/09 13:45
Messaggi: 201
Serpiko is offline 

Località: Salisburgo





austria
MessaggioInviato: Ven Mar 13, 21:09:17    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

questo video della BBC di oggi capita a faGIUlo
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


PS
grande Lovecraft
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
<b>Guy Fawkes</b

Ospite















MessaggioInviato: Ven Mar 13, 22:05:22    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Eh,alla faccia del "non postiamo filmati,eh!" Mr. Green
Comunque,documento interessante,per quanto sia avventato definire attribuire ad un vampiro un teschio con un mattone in bocca...
Ma secondo voi,come mai è proprio il vampiro la figura fantastico-mitologica che colpisce di più il nostro immaginario?
Torna in cima
Sophie.Scholl

Esperto
Esperto


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 105
Registrato: 07/02/09 15:02
Messaggi: 1041
Sophie.Scholl is offline 

Località: Kustenland
Interessi: rinascere dopo l'inferno




austria
MessaggioInviato: Sab Mar 14, 06:20:42    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

mah,credo sia proprio dell'essere umano...quando non si conosce una cosa la si mitizza(?) e questo vale per tutte le cose che ci fanno paura,pensa alle storie su vampiri appunto,ma anche su lupi mannari,zombie

pare che nel medio evo nei periodi di carestia ci fosse cosi' tanta miseria e tanta fame che alcuni mangiavano i cadaveri appena sotterrati oppure direttamente si procuravano le vittime sul posto,attaccando i viandanti nei boschi o i bambini fuori dai villaggi
da qui la paura di queste persone/assassini che venivano come dire "mitizzate" nella figura dei vampiri o anche dei lupi mannari

c'era poi il mito del vampiro in passato con la famosa Erzsebeth Bathory che è esistita veramente e piu' avanti con il libro di Stocker su Dracula,anche questo tratto da una storia vera di un certo Dracul o draculea,condottiero rumeno che impalava i suoi nemici a centinaia Neutral realmente esistito

calcola poi che il sangue è da sempre sinonimo di "Vita" quindi uno che in teoria ti succhia il sangue colpisce l'immaginario collettivo

nell'ambito della criminologia(il mio campo Wink ) ti posso dire che figure come Haarmann in germania,Chikatilo in Russia, o Richard Chase in US (detto il vampiro di Sacramento) hanno contribuito a creare quell'alone di terrore reale verso chi appunto beve il sangue umano,sono casi in cui i SK lo hanno fatto sul serio trasformando la figura del vampiro delle leggende in terribile realtà Sad

le streghe invece sono un altro discorso,e mi raccomando,non mi toccate le mie progenitrici eh! Wink
su questo ci sarebbe da parlare per ore....

_________________
הדרך היחידה להיפטר פיתוי היא להניב לה.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
<b>Guy Fawkes</b

Ospite















MessaggioInviato: Sab Mar 14, 07:57:51    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Analisi interessante,Sophie,però la domanda rimane:perchè,per dire,viene maggiormente mitizzato il vampiro(la cui nascita è di molto precedente al romanzo di Stoker,o della stessa contessa ungherese da te citata)rispetto,appunto,al licantropo oppure al fantasma?Tempo fa lessi una riflessione di non ricordo più chi,che sosteneva che in sostanza il vampiro incarna la summa dei desideri inconsci degli uomini.Infatti:
-è immortale (o quasi)
-nell'iconografia classica vanta di solito ricchezza e raffinatezza(cosa di cui curiosamente il Dracula letterario non era granchè provvisto)
-ha potere di vita e di morte sul prossimo
-può sedurre chiunque ed ottenere ciò che vuole con un solo sguardo.
E chi non vorrebbe tutto ciò?
Mi permetto poi di correggerti per quanto riguarda la figura del Dracula storico,che non era un semplice condottiero,ma il voivoda(o principe)della Valacchia,e che durante le crociate fu uno dei maggiori baluardi contro i turchi;sulla sua passione per l'impalamento,che usò anche come deterrente psicologico contro i nemici,circolano molti aneddoti,e per chi avesse voglia consiglio la lettura dell'ottimo "Dracula" di Matei Cazacu,che analizza proprio la figura da cui Stoker trasse poi il più celebre dei succhiasangue.

Sul fronte crimilonogico,credo che la questione sia non poi così vincolata ai casi da te citati;ho letto del caso di una ragazzina che,negli anni '90,dopo aver visto "ragazzi perduti"(un film sui vampiri)si suicidò,lasciando una lettera in cui affermava che nel giro di sette giorni sarebbe risorta come vampiro,e si sarebbe recata dai suoi amici e compagni di scuola per vampirizzarli e vivere con loro il mito di questa eterna giovinezza che veniva prospettato nel lancio pubblicitario del film stesso(dormire tutto il giorno,far festa tutta la notte,non invecchiare mai,non morire.Che bellezza essere un vampiro).Bene,fatto sta che nel giorno indicato dalla suicida per la sua presunta resurrezione nessuno dei genitori delle potenziali vittime mandò i figli a scuola,ed il dipartimento di polizia cittadino istituì doppi turni di vigilanza per le strade ed attorno alle abitazioni delle vittime.
Come vedi,il terrore irrazionale nei confronti di queste figure è talmente radicato in alcuni casi da trascendere persino il buonsenso...
C'era anche il caso di un'azione di guerra in cui i soldati avversari,asserragliati nella foresta,furono stanati facendo credere loro che nella boscaglia ci fosse un vampiro,ma devo recuperare i riferimenti...

Quanto alle streghe...eh,ormai siam qui,parliamone!
Mr. Green
Torna in cima
Sophie.Scholl

Esperto
Esperto


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 105
Registrato: 07/02/09 15:02
Messaggi: 1041
Sophie.Scholl is offline 

Località: Kustenland
Interessi: rinascere dopo l'inferno




austria
MessaggioInviato: Sab Mar 14, 08:39:50    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

eh heee...interesantissimo pure quello che hai scritto tu! Very Happy

vediamo...credo che l'analisi che hai fatto sul perchè il vampiro sia piu' "in" rispetto agli altri mostri sia molto giusta,ma io direi anche che la figura del vampiro ha preso importanza specialmente nell'ultimi tempi e questo credo sia divuto proprio alla letteratura e perchè no ai vari films dagli anni 30 in poi,da Nosferatu ecc ecc
calcola poi che la figura del vampiro,da terrificante com'era appunto nel film nosferatu è diventata quasi "romantica" pensa a intervista col vampiro con Cruise e Pitt,dove si finisce -quasi- per fare il tifo per loro! Surprised

la figura del vampiro è cambiata,si è come positivizzata secondo me,questo appunto negli ultimi decenni,se parliamo del medio evo il discorso cambia.
verissimo cio' che hai detto su dracul,e spero di riuscire a trovare il libro che hai citato,perchè mi interessa molto,grazie per il suggerimento,lo metto nella mia lista dei desideri(di libri) che ho su anobii Wink

non conoscevo il caso da te citato della ragazzina,ma sarei curiosa di sapere dove è successo,perchè se è successo negli states,le cose cambiano radicalmente se parliamo del midwest,di LA o della virginia,proprio per retaggi culturali differenti.

sarà che a me i vampiri non hanno mai fatto paura,e che non ci credo affatto,anche se esiste una malattia che si chiama porphyria (porfiria) e che come sintomo ha proprio il desiderio di bere il sangue e il rifiuto della luce solare..
e se i cosi' detti vampiri del passato fossero state solo persone con questa malattia? e chi lo sa...magari da una malattia rara è nato un mito....

sulle streghe dammi il La e inizio Wink

_________________
הדרך היחידה להיפטר פיתוי היא להניב לה.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Sophie.Scholl

Esperto
Esperto


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 105
Registrato: 07/02/09 15:02
Messaggi: 1041
Sophie.Scholl is offline 

Località: Kustenland
Interessi: rinascere dopo l'inferno




austria
MessaggioInviato: Sab Mar 14, 08:44:51    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

due parole ancora sulla porfiria

Nella forma di Porfiria congenita o Morbo di Gunther i principali sintomi sono una fortissima anemia (da qui il classico pallore dei vampiri) e fotosensibilita' alla luce del Sole,piu' l’eritrodonzia, disturbo che colora letteralmente i denti di un colore fosforescente
il malato di Porfiria non puo'assolutamente mangiare,e nei casi più estremi nemmeno toccare il comune aglio.,questo perche' l’aglio, contrariamente a quanto succede nelle persone sane, nei malati di Porfiria esalta le tossine presenti nel sangue e fa peggiorare notevolmente la malattia.
In altri casi meno frequenti, la Porfiria può causare anche: retrattilita' della gengive ,che associata all’eritrodonzia farebbe sembrare i denti un qualcosa di inumano
Un malato di Porfiria infatti, può occasionalmente avere forti disturbi neurologici seguiti da una forte paralisi che lasciava il soggetto in uno stato di catalessi anche per giorni….in alcuni casi simile alla morte.
Non sono rari nel passato i casi in cui un malato di Porfiria si svegliasse durante l’estremo saluto mentre era comodamente messo dentro ad una bara.
Ecco quindi un’altra spiegazione delle caratteristiche abitudinarie del vampiro; la catalessi in una bara seguita da un risveglio.
I famigliari dei malati di Porfiria, credendo di fare il bene del proprio caro, lo invitavano insistentemente a bere sangue bovino o suino per ovviare il pallore e la malattia in generale. Questo però, contrariamente a ciò che si sperava di ottenere, non solo metteva in pericolo il malato esponendolo ad altre malattie, ma scatenò l’azione della Chiesa che inquisì tutti i malati di Porfiria perché associati alle forze nefaste della Bibbia.
Questo appunto perché nella mentalita' medievale, vedere una persona mortalmente pallida evitare il Sole (e quindi Dio), muoversi di notte con denti lucenti ed un viso massacrato dalla malattia, magari cercando di andare a racimolare dal sangue da bere, era la perfetta incarnazione del Demonio.

La severita' dell’Inquisizione Cattolica portò Bram Stoker infatti a connettere l’odio del vampiro verso la Croce e Dio

curioso,no'??

_________________
הדרך היחידה להיפטר פיתוי היא להניב לה.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
<b>Guy Fawkes</b

Ospite















MessaggioInviato: Sab Mar 14, 12:52:10    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ok,qualche altra precisazione che parmi d'uopo,cominciando dalla questione della ragazza che si suicidò per rinascere come vampira;il suo nome era Samantha,e l'episodio avvenne in una cittadina non menzionata nel sud degli Stati Uniti il 12 febbraio 1988,promettendo di tornare a prendere i compgni di scuola il 29 dello stesso mese(anno bisestile).Sull'importanza del vampiro,direi che più che altro ha vissuto negli ultimi tempi un revival,grazie a nuove interpretazioni della sua figura quali quelle appunto di Anne Rice o quelle insopportabilmente adolescenziali di Twilight,per tacere di quelli splendidamente tratteggiati nella graphic novel "30 giorni di notte".
Più che postivizzata,però,direi che si è tornati ad umanizzarla,operazione che era già partita con "Dracula" di Coppola,che a sua volta strizzava l'occhio a quello di Bela Lugosi del 1932(e che fissò lo standard "visivo" del Conte per molti anni a venire);il vampiro non viene più visto come un agente del Male fine a sè stesso,ma come una vittima della sua stessa situazione.Memorabile in tal senso la battuta del Dracula di Lugosi "Morire deve essere una così dolce sensazione".Su un altro classico del genere,cioè Nosferatu,non so se conosci tutta la travagliata e rocambolesca storia che ha contribuito a creare la leggenda dell'originale(1921),che è sopravvissuto fino a noi grazie ad...una copia pirata! Shocked (nel caso tu già la conosca,non la narro per non tediarti,ma evetualmente sono qui!).Sono contento che ti siano servite le informazioni su Dracula,della cui genesi io avevo una diversa versione;pare che Stoker creò la figura del conte transilvano ispirato da un incubo che aveva avuto dopo...una cena a base di granchi!Vorrei solo sottolineare un altro aspetto curioso,cioè che due dei mostri classici del pantheon orrorifico siano nati da un incubo(indovinate qual'è l'altro!).Va poi detto che Dracula comunque non fu il primo vampiro letterario,visto che era stato preceduto da Varney il Vampiro(un romanzo a puntate che veniva pubblicato sui quotidiani,e pare sia lunghissimo)ed "Il Vampiro",di Polidori.Entrambi questi vampiri rispecchiavano i canoni che avevo già evidenziato nel post precedente(fascino,seduzione,eccetera).Infine:della porfiria ero a conoscenza,ma anche in questo caso sul "mito storico" del vampiro io avevo altre fonti,che riferiscono dell'epidemia di vampirismo che attraversò l'Europa dell'est nel 1700.Quanto all'aspetto religioso,Sophie,sai che in realtà è quasi impossibile fermare un vampiro con croce ed acquasanta?Questo perchè,contrariamente a quanto si pensa,i simboli religiosi funzionano solo sui vampiri che in vita erano cristiani,mentre sono pressochè inutili contro quelli di altre nazioni(e praticamente ogni nazione del mondo ha il suo vampiro particolare!).Mi sembra anche strano il fatto che Stoker fu ispirato dalla severità dell'Inquisizione,a quanto ne so il buon Bram era un fervente cattolico,e contrappose la Croce al Vampiro in quanto semplicemente identificava quest'ultimo come un agente di Satana(da qui la contrapposizione!)
Ora mi fermo qui,ma... visto che lo hai chiesto....
La! Mr. Green
Torna in cima
Orientalista partenopeo

Esperto
Esperto


Moderatori

Sesso: Sesso:Maschio

Registrato: 07/02/09 14:45
Messaggi: 3521
Orientalista partenopeo is offline 







italy
MessaggioInviato: Lun Mar 16, 02:26:05    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Sophie.Scholl ha scritto:

le streghe invece sono un altro discorso,e mi raccomando,non mi toccate le mie progenitrici eh! Wink
su questo ci sarebbe da parlare per ore....


Guy Fawkes ha scritto:

Quanto alle streghe...eh,ormai siam qui,parliamone!
Mr. Green


Sophie.Scholl ha scritto:

sulle streghe dammi il La e inizio Wink


Guy Fawkes ha scritto:

Ora mi fermo qui,ma... visto che lo hai chiesto....
La! Mr. Green


Streghetta Sophie,
siamo ancora in attesa di leggere qualcosa sulle tue ave!
Non tenerci sulle spine. Mr. Green
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Sophie.Scholl

Esperto
Esperto


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 105
Registrato: 07/02/09 15:02
Messaggi: 1041
Sophie.Scholl is offline 

Località: Kustenland
Interessi: rinascere dopo l'inferno




austria
MessaggioInviato: Lun Mar 16, 08:58:26    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

avete ragione,mi scuso ma queste sono giornate piene per me,ma appena ho un momento libero andiamo avanti col discorso Wink
parola Scout!!! Very Happy

_________________
הדרך היחידה להיפטר פיתוי היא להניב לה.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
<b>Guy Fawkes</b

Ospite















MessaggioInviato: Lun Mar 16, 12:06:44    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Eh Conte,se vuole supplire l'attesa di Sophie con alcune sue conoscenze,non si faccia pregare!Per esempio,visto che è in territorio partenopeo,mi ha sempre incuriosito la leggenda del noce di Benevento...sa dirci nulla in proposito?
Torna in cima
Orientalista partenopeo

Esperto
Esperto


Moderatori

Sesso: Sesso:Maschio

Registrato: 07/02/09 14:45
Messaggi: 3521
Orientalista partenopeo is offline 







italy
MessaggioInviato: Lun Mar 16, 22:50:53    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Guy Fawkes ha scritto:
Eh Conte,se vuole supplire l'attesa di Sophie con alcune sue conoscenze,non si faccia pregare!Per esempio,visto che è in territorio partenopeo,mi ha sempre incuriosito la leggenda del noce di Benevento...sa dirci nulla in proposito?


Unguento unguento,
mandame a la noce de Benivento,
supra acqua et supra ad vento,
et supra ad omne maltempo…


Ho trovato qualcosa su un processo a una strega (tale Matteuccia da Todi), nell'Umbria del XV secolo, in cui il noce è menzionato e in cui si fa anche menzione della formula magica che ho riportato. La fama del noce beneventano travalicava quindi già allora i confini della Campania: anzi, con grande probabilità, il nucleo della leggenda (che i giudici di quel processo non ritenevano evidentemente tale) è molto più antico del XV secolo.

Citazione:
Il documento che ha permesso di ricostruire uno dei primi processi per stregoneria in Italia è una sentenza di condanna pronunciata dal tribunale laico della città di Todi nel 1428. Il tribunale è presieduto dal Capitano della città Lorenzo de Surdis coadiuvato da un esperto di diritto e giudice in materia di malefici: Tommaso di Castiglione Retino. A trascrivere la sentenza è un notaio incaricato di occuparsi di malefici: Novello Scudiero da Vassano. Dal testo non traspare la voce dell'accusata, il notaio si limita ad elencare i capi d'accusa, a citare testimoni degni di fede e a riportare il resoconto dell'esecuzione della sentenza.

Eppure questo testo, per quanto scarno, si rivela essenziale per la ricostruzione dello stereotipo della strega e individuare le dinamiche socio-culturali che hanno determinato la formulazione prima e la divulgazione poi, della figura della strega per antonomasia. Matteuccia viene arrestata e sottoposta a processo perché reputata, per pubblica fama (il che era allora un buon motivo per istituire un procedimento giudiziario), donna di cattiva condotta e reputazione, pubblica incantatrice, fattucchiera, strega (qui il termine è usato per la prima volta in un processo) e maliarda.
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!



Citazione:
I "VIAGGI" DI MATTEUCCIA
Dal testo del processo risulta che gli unici viaggi, veri o presunti, che Matteuccia compie, sono di ben diverso tenore. Infatti dopo essersi unta con un certo unguento fatto di grasso di avvoltoio, sangue di nottola e sangue di fanciulli lattanti e altre cose, e dicendo: "Unguento, unguento mandame a la noce de Benivento supra acqua et supra ad vento et supra ad omne maltempo" intraprende il "volo" magico verso il noce stregato. Tra l'altro questi particolari viaggi li compie in forma di gatta a cavallo di un demonio che le appare sotto forma di capro.
[...]
Proprio il motivo del convegno di streghe sotto il noce beneventano merita un opportuno approfondimento, se non altro perché è citato per la prima volta proprio nel testo di questo processo, ma è destinato ad avere una grande fortuna in futuro.
La leggenda del noce come albero malvagio ha origini antiche e si ricollega ad una falsa etimologia che fa derivare il termine dal verbo latino nocere. Nei primi anni del Trecento il domenicano Giordano da Pisa predicava a proposito del noce dicendo che bisogna tagliare gli alberi grandi che fanno ombra e impediscono ogni altra vegetazione. Il fatto che al noce fossero legate molte superstizioni negative è ulteriormente confermato da un episodio relativo ai miracoli post mortem compiuti da S. Francesco. Intendo far riferimento alla guarigione di Bartolomeo da Narni il quale, proprio dopo essersi addormentato sotto l'ombra di un noce, si era svegliato paralizzato.
Quanto detto spiega perché proprio il noce venga considerato un albero stregonico, ma nulla suggerisce a proposito di Benevento.
La tradizione magica di questa città si può far risalire agli anni del principato longobardo. In particolare, attraverso l'analisi di un antico testo: un racconto agiografico, la Vita del vescovo Barbato risalente al IX secolo, si può ricostruire il sostrato magico che caratterizzava l'ambiente cittadino nel VII secolo, durante il dominio dei Longobardi.
Nella Vita Barbati si fa riferimento ad un episodio riguardante la conversione dei longobardi del ducato. Durante l'assedio della città da parte dei bizantini, il vescovo Barbato offre a Romualdo (figlio del duca longobardo) la salvezza in cambio della conversione di tutto il popolo longobardo. Romualdo si converte, e subito dopo il vir dei Barbato abbatte un albero intorno al quale i longobardi erano soliti compiere un rito pagano: "…non lontano dalle mura di Benevento, in una specie di ricorrenza adoravano un albero sacro al quale sospendevano una pelle d'animale; tutti coloro che lì si erano riuniti, voltando le spalle all'albero spronavano a sangue i cavalli e si lanciavano in una cavalcata sfrenata cercando di superarsi a vicenda. A un certo punto di questa corsa, girando i cavalli all'indietro cercavano di afferrare la pelle con le mani e, raggiuntala, ne staccavano un piccolo pezzo mangiandolo secondo un empio rito. E poiché ivi scioglievano voti insensati, da questo fatto a quel luogo dettero il nome di Voto, in uso ancora oggi". Si tratta quindi di un rito che ruota intorno al binomio albero-animale, tipico della tradizione culturale germanica. Ciò che è importante sottolineare ai fini della nostra ricerca è che la sacra arbor dei Longobardi non è un noce, o meglio nel racconto agiografico si parla di un albero sacro, ma non si specifica di quale specie di albero si tratta.
[...]
S. Bernardino, in una predica in cui parla espressamente di stregoneria, introduce un riferimento a Benevento come città un cui si svolgerebbe una riunione notturna di esseri stregonici. Il predicatore tuttavia non menziona affatto il noce né parla espressamente di streghe. Inoltre il racconto non mostra affatto quegli elementi che in futuro caratterizzeranno la rappresentazione del sabba beneventano: non si fa accenno al demonio, né alle orge sessuali, né al pasto rituale. Probabilmente il riferimento proprio alla città campana da parte di Bernardino dipende dalla fama magica che, già da tempo, caratterizzava la città campana come luogo di "convegni" magici, proprio in quanto antica sede del ducato longobardo. Il riferimento al noce, in quanto albero che "nuoce" (come attesta il testo di Giordano da Pisa), si sarebbe aggiunto in un secondo momento, nel senso che sarà sembrato naturale associare ad un albero stregonico proprio il noce per la sua cattiva fama. Sicuramente l'associazione tra i due elementi era già definita all'epoca del processo di Todi: infatti il riferimento nel testo è proprio al noce di Benevento.
[...]
Nella seconda parte del processo in cui si parla dei "viaggi" che Matteuccia compie al noce beneventano, si legge: "E immediatamente appare davanti a lei un demonio con l’ aspetto di capro e lei stessa trasformata in gatta, cavalcando sopra lo stesso capro e andando sempre per fossati, va al detto noce sibilando come un fulmine."
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


La sinistra fama del noce di Benevento è forse da mettere in correlazione con il culto degli alberi tipico dell'antica religione germanica (i Longobardi non si erano ancora convertiti al cristianesimo quando invasero la nostra penisola) e con i riti ad esso connessi, che dovevano sembrare terrificanti e misteriosi alla popolazione locale. Se questa ipotesi fosse corretta, la leggenda affonderebbe le sue radici (parlando di alberi...) nei primi decenni del Ducato longobardo di Benevento, nella prima metà del VII secolo.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Orientalista partenopeo

Esperto
Esperto


Moderatori

Sesso: Sesso:Maschio

Registrato: 07/02/09 14:45
Messaggi: 3521
Orientalista partenopeo is offline 







italy
MessaggioInviato: Mar Mar 17, 20:33:19    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

E ora che ho detto la mia sulle streghe, tocca a Sophie. Mr. Green
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
<b>Guy Fawkes</b

Ospite















MessaggioInviato: Mar Mar 17, 20:45:00    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Perchè,Conte,temeva forse di non catalizzare la nostra attenzione col suo sempre ottimo intervento?Io del noce di Benevento conoscevo una versione molto più stringata che riguardava un santo(o simile) che,di passaggio a Benevento e saputo che attorno a quel noce si celebravano riti abominevoli(appunto i sabba),tagliò il tronco dell'albero,e dalle radici eruppe un enorme serpente che sprofondò nel sottosuolo.
Tra l'altro,colto da un dubbio geografico(io e l'atlante,questo sconosciuto)ho chiesto ad alcuni colleghi partenopei se Benevento fosse effettivamente in campagna;ebbene,tre su tre di loro mi hanno risposto "Sì,è il paese delle streghe".
Ed io che pensavo che la culla italica di queste credenze fosse il Piemonte..
Torna in cima
Orientalista partenopeo

Esperto
Esperto


Moderatori

Sesso: Sesso:Maschio

Registrato: 07/02/09 14:45
Messaggi: 3521
Orientalista partenopeo is offline 







italy
MessaggioInviato: Mar Mar 17, 21:08:40    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Guy Fawkes ha scritto:
ebbene,tre su tre di loro mi hanno risposto "Sì,è il paese delle streghe".
Ed io che pensavo che la culla italica di queste credenze fosse il Piemonte..

Il nome di Benevento sembra indissolubilmente legato alle streghe.
La provincia di Benevento è bellissima, adatta a fare da scenario a tetre e affascinanti leggende: montagne, boschi, paesaggi solitari, rovine di castelli e paesini arroccati sui monti, con stretti vicoli e antiche scale in pietra a collegare le case... io ho fatto il servizio civile in un paesino del beneventano (Morcone) e ho sentito molte storie locali sulle "janare" (le streghe).
Peccato che a guastare quest'aura di poetico mistero ci sia la nefasta presenza di Clemente Mastella: una brutta copia involgarita di un signorotto feudale, dimorante in una villa pacchiana con una piscina a forma di cozza e non in un sinistro maniero a stento illuminato dal chiarore lunare. Ma chiudiamo rapidamente la parentesi sul ceppalonico essere, non voglio sciupare il magnifico topic! Very Happy

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

Questo è il paese in cui ho fatto il servizio civile: una cascata di case abbarbicate a un monte, con in cima i ruderi di un castello longobardo e boschi tutto intorno!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Argomenti OffTopic Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Successivo
Pagina 1 di 7

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





MarcoTravaglio.it topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008